Il personale della reception svolge la funzione di ammissione e controllo della clientela, cambio del denaro per favorire la vendita delle cartelle in sala ed eventuale puntualizzazione del regolamento interno. Durante lo svolgimento della partita, attraverso un segnale luminoso esterno, non permette l'ingresso in sala a nuovi giocatori. Se necessario si può prevedere la presenza di personale addetto alla sicurezza, che non potrà accedere in sala ma sarà di supporto al personale della reception nella fase di ammissione e vigilanza, rappresentando un buon deterrente per i clienti indesiderati.

Il venditore/trice effettua la vendita diretta delle cartelle ai tavoli e la riscossione del loro importo, secondo una distribuzione della sala che sarà divisa per zone (ranghi). Ad ogni tavolo, per evitare discussioni, dovrà chiedere sempre chi è "il primo", e da questo iniziare la vendita.
Per vendere le cartelle il venditore/trice non gira intorno al tavolo, cliente per cliente, ma parte con la vendita da un solo punto -in ordine orario o antiorario, senza una regola prestabilita- cominciando dal primo giocatore che si è seduto al tavolo.
E' importante che si ricordi sempre, al momento della consegna delle nuove cartelle, di ritirare quelle utilizzate nella partita precedente, in modo da non creare confusione sui tavoli ed evitare possibili reclami o sostituzioni irregolari.
Al termine della vendita consegna al cassiere l'importo ricavato e le eventuali cartelle rimaste invendute (solo nel caso sia il resto) e prende quelle per la partita seguente, accertandosi sempre che le serie consegnatele siano sequenziali.
Ogni venditore/trice deve liquidare le cartelle assegnate nel proprio rango. Qualora non fossero sufficienti le può chiedere o a chi ne ha in sopravanzo, o al resto, pagandole immediatamente. Ciò avviene perché, quando il venditore ritorna alla cassa per consegnare l'importo della vendita, questo deve corrispondere esattamente al numero delle cartelle indicate nel brogliaccio (un blocchetto, compilato dal capo tavolo per ogni partita, col quale il cassiere assegna le cartelle e, a fine vendita, incassa il totale controllando l'importo corrispondente).
Il cambio (una quantità di denaro -stabilita arbitrariamente dalla sala gioco- che viene loro consegnata all'inizio del turno di lavoro per dare il resto nella fase di vendita), infatti, è ripetutamente contato durante la partita, poiché essendo un importo fisso, quello che eccede è il corrispettivo della vendita (cartelle assegnate).
Finita la vendita, non tutti i venditori/trici tornano immediatamente alla cassa. A discrezione della direzione, si può per esempio decidere che siano quelle dei ranghi di numero pari e rimanere a vigilare la sala fino alla dichiarazione della cinquina, mentre quelli dei dispari si apprestano a liquidare l'importo di vendita al cassiere e a prendere le cartelle per la partita seguente. Questa organizzazione è utile, se non necessaria, perché quando un cliente dichiara la cinquina, il/la venditore/trice rimasto/a in sala si reca al tavolo, verifica la cartella e trasmette al capo tavolo il suo numero di serie.
Una volta avvenuta la comprovazione il riprende per il conseguimento del bingo e la cartella vincitrice è lasciata al cliente per continuare a giocare.
A questo punto i venditori/trici si danno il cambio, e quelli/e dei ranghi pari possono andare alla cassa a consegnare il denaro della vendita e ritirare le cartelle spettanti. La segnalazione ai tavoli delle cartelle vincenti viene fatta attraverso la consegna di un testimone: può avere le forme più disperate, ma è utile che sia un oggetto visibile da mettere sul tavolo perché a fine partita il/la venditore/trice addetto/a alla consegna materiale dei premi possa individuare velocemente il cliente da raggiungere, al quale una volta consegnato il denaro, ritira la/le cartella/e vincente/i da riportare al capo tavolo.
E' inoltre importante che sorvegli la porta, poiché si verifica spesso, nonostante il divieto di entrata, che nuovi clienti si presentino durante la vendita. E' fondamentale ai fini del gioco che all'inizio di ogni partita tutte le persone presenti in sala abbiano a disposizione le proprie cartelle.
Prima dell'apertura della sala, ogni venditore/trice deve controllare le cartelle, per verificare che non ci siano errori di stampa.
Questo controllo viene facilitato da una tabella di riferimento, dove sono riportati tutti i numeri di inizio serie (1,7,13,19,25,etc) considerando che le serie, così come vengono vendute, corrispondono a 6 cartelle consequenziali. Ripassando quindi, i numeri di identificazione delle cartelle è sufficiente verificare la sequenza: 1-7-9-5.
Quando avrà il ruolo di oratore/trice non venderà in sala, ma metterà in funzione la macchina di illuminazione delle palline estratte, leggerà a voce alta il numero della pallina secondo l'ordine di uscita, ripeterà al microfono la dichiarazione di una cinquina o del bingo, spegnerà la macchina alla fine del gioco e consegnerà ai giocatori vincenti i premi della cinquina e del bingo, riportando al capo tavolo le cartelle premiate che dovranno essere allegate ai verbali di fine partita.
Nell'assegnazione dei premi è importante che chi li porta al tavolo, oltre a riscontrarli, sia presente al momento della consegna, poiché il denaro della vincita va comunque contato in presenza del cliente, evitando così qualsiasi errore di ammanco o eccedenza.
Quando un/a venditore/trice ricoprirà il ruolo del resto (l'ultima) avrà un compito fondamentale nella gestione della vendita: è colui/lei che ha il maggior numero di cartelle (dalle 90 alle 120 di media per una sala medio-grande), e funziona dal jolly per i suoi colleghi di sala.
Terminata la vendita nel proprio rango, e avendo un numero maggiore di cartelle, può rivenderle a quelle che ne siano rimaste sprovviste.
Le cartelle in avanzo devono essere riconsegnate al cassiere che ha il rapporto diretto col capo tavolo, indicandogli il numero dell'ultima cartella venduta per dare così inizio alla partita. E' importante che in questa fase del gioco ci sia un lavoro di equipe ben coordinato, poiché, soprattutto nel caso di sopravanzo di cartelle, tutti i/le venditori/trici comprino quelle in eccesso e le vendano velocemente per non rallentare il gioco.
Doti fondamentali per ricoprire questo ruolo sono soprattutto la rapidità e la capacità di lavorare in squadra, oltre alla buona presenza, l'educazione e l'affidabilità. Il/la venditore/trice ha rapporti diretti con il cliente, ma il suo compito è quello di vendere, riconsegnare al cassiere l'importo guadagnato e tornare in sala a vigilare.
Il lavoro dei venditori è l'elemento base nell'economia di funzionamento della sala poiché non si tratta della semplice distribuzione delle cartelle ai clienti, ma, è un'attività organizzata secondo schemi operativi sinergici che si adattano alle situazioni di gioco.

Il/la cassiere/a ha in suo possesso le cartelle, le consegna ordinatamente ai/lle venditori/trici, secondo le istruzioni date dal capo tavolo, con la redazione del brogliaccio; riscuote e controlla gli importi ricavati dalla vendita delle cartelle; comunica col capo tavolo, sempre attraverso la compilazione del brogliaccio, il primo numero di cartella progressivo di cartella assegnata ad ogni venditore/trice; prepara il premi della cinquina e del bingo secondo gli importi che compaiono sul display della sala.
Sia all'inizio che a fine giornata, il compito principale è quello di controllare i soldi presenti in cassa: il fondo cassa, il cambio per i/le venditori/trici, eventuali ammanchi o sopravanzi di cassa.
Il ruolo del cassiere è importante e molto delicato in quanto, oltre a maneggiare il denaro, ha i rapporti più diretti con i/le venditori/trici: deve creare un clima disteso ma nello stesso tempo dimostrarsi fermo/a e sicuro/a.
Uno dei casi che frequentemente capita ai/lle venditori/trici è di perdere denaro tra la vendita, e la riscossione; ma il cambio deve quadrare sempre, quindi in caso di perdita dovranno risponderne personalmente e reintegrarla; al contrario, in caso di eccedenza questa dovrà essere riconsegnata alla cassa.
La sicurezza -requisito fondamentale del cassiere- permette di gestire situazioni di tensione: qualora un/a venditore/trice o più venditori/trici perdano denaro, dovrà si trasmettere fermezza sull'esattezza dei sui calcoli, ma nello stesso tempo dimostrarsi disponibile, e attraverso un rapido controllo di cassa chiarire di chi è l'errore.
Questo è un ruolo che richiede capacità di gestire lo stress e la tensione personali e di altri, e di mantenere la calma senza estremizzare o acutizzare situazioni problematiche.

[indietro]